X

Menu

UNFINISHED ITALY

Un viaggio alla scoperta delle rovine moderne d’Italia: l’architettura dell’incompiuto. Tra i simboli di un’epoca insicura del suo avvenire, e le persone che hanno reinventato queste strutture paradossali frutti della famosa corruzione politica.

 

Dice di sè Benoit Felici, giovane regista italo-francese, di non aver finito l’università, di non aver completato la sua carriera di attore, di non aver mai smesso di collezionare tutto ciò che non funziona più e che è probabilmente questa sua personale affezione per tutto ciò che è incompiuto ad averlo portato alla realizzazione del suo film. Insieme a Bastian Esser (camera) e Milena Holzknecht (montaggio), Benoit Felici ha attraversato i paesaggi italiani alla ricerca delle opere pubbliche mai giunte al completamento e che non hanno mai funzionato, come se fosserolo specchio di una biografia intima e personale. Un viaggio, quello di Benoit Felici che lo porta fino in Sicilia, territorio privilegiato per la sua ricerca essendo quella la regione italiana con il più alto numero di opere pubbliche lasciate incomplete.  

Le opere pubbliche interrotte, non completate, sono gli effetti collaterali dell’immenso progetto di modernizzazione del territorio italiano attuato dal secondo dopoguerra ad oggi: uno sterminato, non censito, patrimonio di opere pubbliche il cui processo di realizzazione e messa in funzione talvolta è rimasto interrotto. Quello che ne resta, sono visioni di futuri immaginati e mai avverati, che si sono frantumati diventando rovine della modernità. A volte si tratta di paesaggi interrotti che quotidianamente abitiamo, frequentemente attraversiamo e solitamente, forse inconsciamente, rimuoviamo dal nostro sguardo o registriamo come una consuetudine del nostro territorio. Nella maggior parte dei casi si tratta di paesaggi meridionali, perennemente in bilico fra l’inerzia al cambiamento e la tensione alla modernizzazione, quindi perennemente interrotti nel loro processo di costruzione e trasformazione. Vincenza Santangelo.

  • Regia: Benoit Felici
    Fotografia
    : Bastian Esser
    Montaggio: Milena Holzknecht
    Musica: Philipp Grieß
  • durata33′
  • anno di produzione2010
  • titolo originaleUnfinished Italy
  • genreEthnography, Nature & Environment

 

 

« Previous Post
Next Post »

Leave a Reply

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 6.965 altri iscritti

Chi sono

Vittorio Ballato è un artista in costante evoluzione.

Pierluigi Gammeri

Email : vittorioballato@gmail.com

Traduci