X

Menu

VAN GOGH ALIVE. THE EXPERIENCE

Vincent van Gogh, Bedroom in Arles

Dal 25 Ottobre 2016 al 30 Aprile 2017

ROMA

LUOGO: Palazzo degli Esami

ENTI PROMOTORI:

  • MiBACT
  • Roma Capitale

COSTO DEL BIGLIETTO: intero € 15 + spese d’agenzia, ridotto 6-12, studenti, over 65, disabili € 12 + spese d’agenzia. Bambini sotto i sei anni gratuito (accompagnati da un famigliare); gruppi € 11 + spese d’agenzia, scuole € 7 + spese d’agenzia. Famiglia 2 adulti e 2 bambini / 1 adulto e 3 bambini € 44

TELEFONO PER INFORMAZIONI: +39 06 892.101

E-MAIL INFO: info@vangoghroma.it

SITO UFFICIALE: http://www.vangoghroma.it/la-mostra/

COMUNICATO STAMPA:
Dal 25 ottobre 2016 arriva presso lo spazio del Palazzo degli Esami a Roma la grande mostra multimediale Van Gogh Alive – The Experience dedicata al grande pittore olandese che, con il suo stile unico e inconfondibile, ha gettato le basi dell’arte moderna.

Esplorate la vita e le opere di Vincent van Gogh nel periodo che va dal 1880 fino al 1890. Interpretate i pensieri e le emozioni nel suo vagare tra Parigi, Arles, Saint-Rémy e Auvers-sur-Oise, i luoghi dove creò molti dei suoi capolavori senza tempo. Osservate queste opere cogliendone tutti i dettagli, studiandone il colore e la tecnica. Fotografie e video, combinate alle opere di Van Gogh, vi mostreranno le sue fonti di ispirazione.

Sincronizzate con una potente colonna sonora, più di 3.000 immagini di grandi dimensioni creeranno un allestimento elettrizzante che riempirà schermi giganti, pareti, colonne dal soffitto fino al pavimento, immergendovi completamente nei colori vibranti e nei dettagli intensi che caratterizzano lo stile unico di Van Gogh.

La mostra utilizza la tecnologia SENSORY4™, un sistema unico che incorpora oltre 50 proiettori ad alta definizione, una grafica multi canale e un suono surround in grado di creare uno dei più coinvolgenti ambienti multi-screen al mondo. Grandi immagini, nitide e cristalline, così reali da desiderare di toccarle con mano, illuminano schermi e superfici che esaltano l’originalità dello spazio espositivo e si accompagnano a delle musiche di Vivaldi, Ledbury, Tobin, Lalo, Barber, Schubert, Satie, Godard, Bach, Chabrier, Satie, Saint-Saëns, Godard, Handel.

da Arte.it
« Previous Post
Next Post »

Leave a Reply

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 7.007 altri iscritti

Chi sono

Vittorio Ballato è un artista in costante evoluzione.

Pierluigi Gammeri

Email : vittorioballato@gmail.com

Traduci