X

Menu

le mostre che sbocceranno per tutto il 2018 in Italia, un anno di grandi maestri

Michelangelo e Caravaggio a Forlì, ad Aosta focus su Guido Reni Spazio a Picasso, protagonista a Brescia e Milano. A Genova Ligabue

Anno nuovo, mostre nuove. La grande arte, da Michelangelo a Picasso, da Caravaggio a Hiroshige, ma anche lo spirito del contemporaneo con fotografia e musica: ecco le mostre che sbocceranno per tutto il 2018 in Italia.

Al Macro di Roma, gennaio si apre con la mostra evento “Pink Floyd Exhibition. Their mortal remains”, un viaggio nel mondo di David Gilmour, Roger Waters, Nick Mason, Rick Wright e Syd Barrett. La monografica su Cesare Tacchi, scomparso 3 anni fa, e la mostra scientifica “Human+”, che esplora i potenziali percorsi futuri dell’umanità, saranno inaugurate a febbraio a Palazzo delle Esposizioni, seguite dal World Press Photo (aprile), l’esposizione fotografica “L’altro sguardo” di Donata Pizzi (giugno) e in autunno dalla mostra che celebra i 30 anni della Pixar. La capitale ospita un altro grande maestro, che ha messo al centro della sua visione il paesaggio e la natura: si tratta di Utagawa Hiroshige, a cui le Scuderie del Quirinale dedicano a marzo una grande retrospettiva con una selezione di circa 230 opere.

È dedicata alle diverse civiltà precolombiane del continente americano la mostra “Il mondo che non c’era. L’arte precolombiana nella Collezione Ligabue” allestita a Palazzo Loredan di Venezia (dal 12 gennaio). Al Peggy Guggenheim “Marino Marini. Passioni visive” (dal 27 gennaio), che presenta i lavori dello scultore accanto a quelli di artisti come Manzù, Rodin e altri. Il Museo archeologico regionale di Aosta dedica a gennaio una mostra-dossier a Guido Reni e alla pala d’altare “La strage degli Innocenti” del 1611; mentre ai Musei di San Domenico di Forlì sarà visitabile “L’eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio” (10 febbraio), che analizza l’evoluzione dell’arte dalla fine del Rinascimento all’affermarsi di un’età più moderna. A Palazzo Martinengo di Brescia, dal 20 gennaio arriva “Picasso, De Chirico, Morandi. Cento capolavori del XIX e XX secolo dalle collezioni private bresciane”; a febbraio le Scuderie del Castello Visconteo di Pavia accolgono oltre 100 scatti del fotografo McCurry e la Galleria Estense di Modena propone la mostra “Da Correggio a Guercino. Capolavori su carta della collezione dei duchi d’este”.

Palazzo dei Diamanti di Ferrara da marzo ospiterà “Stati d’animo. Arte e psiche tra Previati e Boccioni”, che rivela come dal Simbolismo all’avanguardia futurista gli artisti abbiano tradotto in linguaggio figurativo le emozioni. Sempre a marzo il Palazzo Ducale di Genova ospiterà l’antologica dedicata ad Antonio Ligabue. Al Museo Diocesano di Milano fino a giugno “Capolavori Sibillini, Le Marche e i Luoghi della Bellezza”, una selezione di 56 opere (tra gli artisti, Perugino, Crivelli, Spadino, Cristoforo Munari, Ignazio Stern) provenienti dai territori marchigiani colpiti dal terremoto del 2016. La collezione del Philadelphia Museum of Art approda invece al Palazzo Reale di Milano a marzo con la mostra “Impressionismo e Avanguardie”: esposti 50 capolavori di giganti del calibro di Monet, Degas, Renoir e Picasso. Quest’ultimo sarà protagonista della retrospettiva (sempre a Palazzo Reale, ma in ottobre) “Picasso e il Mito”, che indaga il rapporto tra l’artista spagnolo e l’antichità greco-romana.

Due grandi mostre fotografipreviste per marzo, una su Albert Watson ai Musei di Palazzo dei Pio di Carpi, l’altra su Fulvio Roiter alla Casa Tre Oci di Venezia. A settembre il Palazzo Ducale di Sassuolo dedicherà una monografica alla ceramista statunitenseBetty Woodman.

A ottobre due appuntamenti imperdibili: il primo a Palazzo Blu di Pisa, con “Magritte e il Surrealismo”, e il secondo a Palermo, dove al Museo archeologico regionale Antonio Salinas sarà allestita una grande mostra su Antonello da Messina.

« Previous Post
Next Post »

Leave a Reply

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 7.007 altri iscritti

Chi sono

Vittorio Ballato è un artista in costante evoluzione.

Pierluigi Gammeri

Email : vittorioballato@gmail.com

Traduci